Monthly Archives

luglio 2018

Meteo Jenne, agosto arriva con il beltempo. Tanto sole e caldo gradevole nel bellissimo borgo

By | Territorio | No Comments

Jenne – Il caldo intenso, quello serio si farà sentire già dalla giornata odierna. Ma sono in arrivo, stando alle previsioni meteo a Jenne sta per arrivare , una decade che apre il mese di agosto per eccellenza ideale nelle vacanze all’insegna del beltempo  e di temperature massime che sfioreranno i 40 gradi. L’aria sarà dunque piuttosto calda. Un motivo per trascorrere qualche giorno al fresco del bellissimo borgo, che offre ricettività, tante iniziative ed accoglienza. Le temperature minime si attesteranno intorno ai 16 gradi, mentre le massime arriveranno anche a 30 -31 gradi. In città l’afa si farà sentire con massime che sono destinate ad aumentare sensibilmente con afa e senso di disagio, motivo per cui val bene l’occasione di venire a Jenne.

Consigliato: Il Lescuso, una oasi di pace e relax 

Turismo nei borghi a piedi da Roma a Pescasseroli, prima tappa a Jenne l’8 agosto

By | Territorio | No Comments

Jenne – Una vacanza sicuramente unica ed originale, ma soprattutto molto interessante sotto il profilo della cultura e della valorizzazione ambientale. E così la realtà di Jenne è stata scelta come una delle sei tappe del percorso che un gruppo di amici di Roma (Sara, Federico, Claudia e Ludo)  intraprenderà dal 3 al 13 agosto 2018 prossimo. Un cammino naturale, nato dall’idea di fare una vacanza interamente a piedi con lo zaino in spalla partendo direttamente dalla capitale romana.

La Roma -Pescasseroli a piedi è dunque strutturata in 6 tappe del cammino naturale dei parchi e 5 tappe della via dei lupi. “L’8 agosto – spiegano gli organizzatori in una nota inviataci – saremmo a Jenne, alloggeremo presso il B&b il Lescuso, e ci farebbe piacere incontrare qualcuno del posto. Anche perchè l’intento di questa vacanza è anche quella di promuovere questo cammino e far conoscere i luoghi che attraversa affinchè sempre più persone possano scegliere il passo lento per conoscere e vivere i meravigliosi posti (alcuni ancora poco conosciuti) di questo nostro territorio. ” Questo il link dell’evento postato su facebook.  

Saremo dunque ben lieti di incontrare questo gruppo e rappresentare la loro esperienza!

Prima edizione del Premio “Jenne nel cuore”, per la tipicità dei prodotti. Conferimento al giornalista del Tg1 Rai Paolo Di Giannantonio

By | Jenne news | No Comments

Jenne – La Municipalità di Jenne in collaborazione con la locale Pro-Loco, ha organizzato per il giorno Venerdì 10 Agosto 2018 la prima edizione del Premio Jenne, nel corso della quale ne è previsto il conferimento al giornalista Rai Paolo Di Giannantonio.

Si intende conferire il premio a tale professionista di livello nazionale in quanto lo stesso pone particolare attenzione e passione verso i piccoli borghi caratteristici, esaltandone ed apprezzandone peculiarità, prodotti tipici, storia e cultura.

L’intera giornata sarà dedicata all’expo di prodotti tipici con stand espositivi, degustazioni e convivialità che saranno allestiti per le stradine centrali del borgo di Jenne sin dalle ore 10.00 e fino a sera.

L’evento conclusivo ufficiale è previsto per le ore 18.00 presso i Giardini Pubblici, e la giornata per il conferimento premio ed un breve dibattito-approfondimento sul tema.

E’ una occasione per fornire visibilità a quanti dedicano cultura e passione per la tipicità dei prodotti, aspetto legato alle tradizioni e culture dei borghi. E anche un modo per celebrare le peculiarità dei prodotti, abbinata alla comunicazione in forma innovativa e professionale.

E’ gradita la partecipazioni della stampa e dei media, delle istituzioni, di associazioni, gruppi e di tutti coloro che intendano celebrare il buongusto nel borgo di Jenne.

IL SINDACO
(Giorgio Pacchiarotti)

Emozione per il transito a Jenne della sesta edizione del Rally di Roma capitale

By | Jenne news | No Comments

Jenne – Emozione oggi per il transito a Jenne della sesta edizione del Rally di Roma Capitale, evento per il quale la municipalità ha assicurato, come sempre, la massima e fattiva collaborazione per la propria competenza territoriale. Come sempre,  la municipalità ha partecipato attivamente come interfaccia con l’organizzazione centrale assicurando la massima collaborazione per il territorio di competenza. Il rombo dei motori ha affascinato non poco gli jennesi residenti, turisti arrivati da ogni dove per ammirare le auto sfrecciare tra le stradine silenziose del magnifico borgo.

Papa Alessandro IV da Jenne, e l’irrisolto mistero della tomba pontificale

By | Territorio | No Comments

E’ un mistero irrisolto, quello relativo alla tomba del centottantunesimo Pontefice della Sancta Romana Ecclesiae Alessandro IV, (epoca 1254-1261)  che ebbe i natali presso il suggestivo borgo di Jenne nell’anno 1199.

La Chiesa dedicata alla Madonna della Rocca costituisce l’unico resto del Castello dove nacque Papa Alessandro IV in una posizione dominante sulla vallata  dell’Aniene.

La storia di Rinaldo dei Signori di Jenne vissuto per 62 anni in terra porta con sè il fascino, ma anche le contraddizioni e le pressioni che le famiglie d’alto rango nobiliare esercitavano in quelle epoche sulla Chiesa Cattolica. Ricerche storiche hanno evidenziato la discendenza del Papa figlio di Filippo II Signore di Jenne. Nel 1235 venne consacrato vescovo ma per l’alto prelato jennesino non fu certo una carriera sfociata al grado più alto senza insidie.  Il Medioevo Italiano, ben lontano dalle logiche degli Stati moderni e sovrani del Seicento,  subiva pressioni  nobiliari che condizionavano le politiche pubbliche con forti influenze sulla Chiesa

Papa Alessandro IV  era legatissimo ai Baroni romani e dunque ebbe a costituire una vero e proprio legame, all’interno della chiesa di Roma con riferimento  nobiliare.  L’elezione di Alessandro IV non era affatto casuale e dunque ebbe un peso anche la sua provenienza familiare e jennesina.

Fu proprio Rinaldo di Jenne a  trasferire la sede papale a Viterbo destinata a diventare dal 1257, la città dei Papi. Alessandro IV passerà a miglior vita nel 1261 e da allora la sua tomba non è stata mai più ritrovata.

Nei secoli successivi alla sua morte sono stati effettuati diversi tentativi di ricerca ma ad oggi nessuno è stato in grado di risolvere questo mistero. Gli ultimi tentativi risalgono alla fine del XIX secolo, anch’essi rimasti senza esito dal momento che «fu imposto di sospendere le ricerche per mancanza di fondi, secondo quanto riportato da un manoscritto rinvenuto presso l’ Archivio della Cattedrale di Viterbo.

Nei primi anni 2000, a distanza di oltre 750 anni dalla morte, si sono riaperte le ricerche per il ritrovamento della tomba del Pontefice, con un progetto internazionale diretto dall’Istituto “Alessandro IV”, una struttura creata da liberi ricercatori europei al fine di coordinare e dirigere progetti di ricerca scientifica. Ma a tutt’oggi non vi sono state risposte certe. Qualche fake news era circolata il 1° Aprile 2015, nella quale si dava per certo il ritrovamento della tomba del Pontefice avvenuto per iniziativa di una Università svedese. Ancora oggi non si comprende il motivo per il quale si è voluto ironizzare su un argomento così serio che porta con sè storia, cultura, tradizione e fede.

Grande attesa per la XXVI edizione della transumanza Anzio-Jenne

By | Jenne news | No Comments

Jenne  – Come da tradizione sta per avere inizio la ventiseiseima edizione della transumanza Anzio-Jenne, si parte dal 9 agosto e l’evento conclusivo è previsto per il 13 agosto nella suggestiva cornice del Borgo di Jenne.

Giovedì  9 agosto 2018 è previsto il  raduno presso la località  Falasche (Comune di Anzio) un antico villaggio di pastori, luogo di maggior concentrazione del popolo Jennese nel Lazio  e specificamente:
Ore 08,00:  Raduno dei cavalli
9,30 Inaugurazione della mostra “La transumanza storia del nostro territorio”
10,30 Partenza dei cavalieri alla volta di Jenne attraverso le piacevoli ondulazioni della campagna Anziate per proseguire nel territorio di Nettuno fino a giungere in località “CapannaMurata” nel territorio del Comune di Aprilia e consumare il pranzo in azienda Agricola
13 pranzo tipico dei pastori transumanti di Jenne
15 partenza dei cavalieri per raggiungere la casa del Martirio di Santa Maria Goretti (Le Ferriere) nel Comune di Latina e proseguire nelle coltivazioni sulle terre dell’antico Ducato dei Caetani oggi Comune di Cisterna di Latina, Patria dei Butteri
18 Attraversamento della città e saluti delle autorità
20 Cena e a seguire torneo dei Butteri a cura dei Giovani cavalcanti
10 agosto Cisterna di Latina
9 Partenza, attraversamento delle tenute storiche di Torrecchia nuova e Torrecchia Vecchia, luoghi di straordinaria bellezza dove il tempo si è fermato, arrivo al lago di Giulianello (Cori)e pranzo lungo la riva, nel pomeriggio passaggio nella cittadina di Artena saluti delle autorità e arrivo nell’azienda agricola di Claudio e Annamaria Perica con sistemazione dei cavalli, cena e a seguire serata danzante con le fisarmoniche di Pino, Stefania ed Elisa
11 agosto Artena
7 Partenza,attraverso scenari agricoli (Colleferro) con resti medioevali,arrivo nella città di Paliano, aperitivo in piazza, saluti delle autorità locali, a seguire pranzo in azienda agrituristica, nel pomeriggio proseguo nel territorio del Comune di Serrone, passaggio alla vecchia stazione, salutidelleautorità,arrivo in località “La Forma” e sistemazione dei cavalli.
20 Cena e a seguire suoni e danze popolari
12 agosto Serrone
7 Partenza, lungo le mura della cittadina, salita sulla panoramica dei 900 metri (Piglio) con panorami di indimenticabile bellezza ed immersione completa nelle faggete fino a raggiungere l’altopiano di Arcinazzo Romano, nel più completo ritorno ad una natura dimenticata, attraverso sentieri montani si entra nel Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini fino a giungere al fiume Aniene nel territorio di Trevi nel Lazio per il pranzo
15 Partenza attraverso le vecchie strade dei mulini, vivendo la natura più selvaggia, passaggio alla cascata di Trevi, seguendo le sponde dell’Aniene si giunge all’abitato di Vallepietra
17 Saluti del Sindaco e breve ristoro in piazza, si prosegue fino a raggiungere le sorgenti del Simbrivio, sistemazione dei cavalli e cena con prodotti tipici Vallepietrani.
13 agosto a Jenne, perla della Valle Aniene: 
ore 7: Partenza dei cavalieri alla volta della sorgente dei Muralli, proseguo attraverso il sentiero 683b e fino ad arrivare al pianoro di Fondi di Jenne per il pranzo.
ore 17 : suggestivo ingresso nel paese, attraversamento del centro storico con le sue caratteristiche vie, cerimonia di chiusura della Manifestazione con le autorità, cena del transumante con prodotti tipici Jennesi e conclusione con serata danzante in piazza organizzata dalla Pro Loco di Jenne.

Azienda agricola a Jenne, partiti i lavori di costruzione della struttura disposti dal Comune

By | Istituzioni | No Comments

Jenne – Sarà una struttura in legno lamellare perfettamente inserita nell’ambiente circostante, quella che ha iniziato a realizzare il Comune di Jenne per la costruzione di una azienda agricola. I lavori sono già iniziati a tutto campo e la base di fondazione evidenzia già l’importanza della costruzione che servirà per l’appunto ad apportare uno strumento di crescita occupazionale e sociale per la realtà di Jenne. In questa location dunque si svilupperà l’allevamento di bovini a servizio della macelleria comunale di Jenne. I lavori come da capitolato hanno avuto inizio il 7 maggio scorso per un importo base di lavori pari ad euro 168.000, 00. L’area circostante di oltre 700 metri quadrati fa da complemento alla struttura verso la quale è stata già realizzata la rampa di accesso. “Con questa iniziativa – spiega il Sindaco Giorgio Pacchiarotti – l’amministrazione prosegue con il suo intento di caratterizzare Jenne come comune che genera crescita e sviluppo sociale con riferimento all’occupazione ed alla valorizzazione del borgo sotto l’aspetto imprenditoriale.” Dopo il termine lavori, infatti, il Comune provvederà ad assegnare la gestione in cooperativa con ovvie procedure di rito. Un chiaro esempio di come pubblico-privato possano agire in sinergia apportanto elementi di sviluppo in un particolare momento di crisi generale.

Un tuffo nell’oasi di pace al Lescuso di Jenne, relax, convivialità e buongusto nella perla della Valle Aniene

By | Vetrina on line | No Comments

Jenne  – Nella porta della Valle Aniene ed incastonata nella perla del borgo di Jenne, c’è una location a dir poco suggestiva meta ideale per il riposo del corpo, dei sensi e dell’anima e per celebrare il buongusto conviviale della buona tavola di sapori autentici. Un luogo che sembra fuori dal tempo, ideale per apprezzare il panorama naturalistico mozzafiato, nel quale ci si sente avvolti da una sfera di benessere. Piscina olimpionica ben curata con amplissimi spazi per il relax con aree attrezzate per il riposo nei comodi lettini e sdraio con ombreggiamento ove desiderato. Arrivando a Jenne ci si rende subito conto di essere arrivati in un borgo suggestivo, e dopo una passeggiata nell’adornato centro storico, pochi metri e si arriva alla località Lescuso, che dà il nome alla struttura ricettiva. Un contesto dunque che può essere vissuto trascorrendo qualche giorno nelle belle camere di cui dispone “Il Lescuso”, ma l’intera struttura dotata di amplissimo parcheggio e adiacente allo Stadio di Jenne, consente anche quella fruibilità quotidiana, per staccare un pò la spina dalla routine quotidiana ed immergersi nelle acque della piscina per dedicare un pò di tempo a se stessi.

Jenne può essere raggiunta facilmente dalla capitale romana, con uscita al Casello A24 di Vicovaro Mandela, proseguendo per Subiaco poi entrando nella direttrice verso i Monasteri benedettini e proseguendo oltre. Il viaggio verso Jenne è già di per sè a dir poco suggestivo ed è preludio sicuramente a qualcosa che val bene la pena di essere vissuto ed apprezzato. Il Borgo regala per tutta l’estate una serie di iniziative intraprese dalla locale Pro-Loco che rendono interessanti le serate, ma c’è spazio anche per escursioni, cicloturismo, campi scuola,  ed attività con percorsi strutturati dall’organizzazione del Ristorante “Il Lescuso” stesso.

Clicca qui per essere indirizzato nel portale web del Ristorante “Il Lescuso”

Il Lescuso è a soli 85 Km da Roma, ideale per una vacanza nella natura e particolarmente adatto per:
• Riposanti fine settimana
• Freschi soggiorni estivi
• Settimane bianche sui vicini campi da sci
• Gita fuoriporta giornaliera con sosta nel nostro ristorante con cucina tipica locale e prodotti tipici
• Soggiorni scolastici di educazione ambientale
• Escursioni in montain bike e a piedi
• ritiri squadre calcistiche.
Ciò che promette “Il Lescuso”, lindo e caratteristico, è un’immersione totale nella natura.sta poco oltre Jenne, sede del Parco Regionale dei Monti Simbruini: alle acque ancora pure dell’Aniene si giunge a piedi in venti minuti, 25 km dista da Fiuggi e 15 km da Subiaco e Monte
Livata. E’ gestito dai soci della cooperativa “Il rifugio” secondo compiti ben precisi, scanditi dai ritmi stessi della natura. La cucina tipica diventa raffinata, tramite l’uso di materie prime controllate, biologiche, e ricercate seppur nella loro tradizionalità. Il primo piatto tipico sono gli “Ndremmappi”, il cui sugo, grazie alla discreta presenza delle alici, è un piacevole lascito delle antiche transumanze tra mare e alpeggi. Divertimento e benessere sono assicurati dalle giornate in piscina semiolimpionica con ampio
solarium nel verde. In piscina vi accoglie la gentilezza e simpatia dei giovani barman che preparano cocktail con prodotti ricercati e di qualità per freschi aperitivi bordo piscina. Le giornate più calde non sono mai noiose partecipando alle escursioni a piedi o in montain bike immersi nelle meravigliose montagne del Parco dei Monti simbruni respirando la fresca e
frizzante aria di montagna. In inverno la vicinanza ai campi innevati permette di accogliere gli amanti dello sci. Il campo da calcio regolare in erba consente allenamenti intensi di intere squadre.
La struttura, priva di barriere architettoniche, è dotata di 12 stanze in stile moderno e dettagli montani con bagno.

Info e prenotazioni: Marcello 3286268925
Paola 3332206946.

Jenne, nuovo record per la “Jennesina 2018”, sul podio dei vincitori il kenyano Dennis Bosire KiYaka

By | Jenne news | No Comments

Jenne – Numeri importanti per la dodicesima edizione de “La Jennesina”, con  497 atleti arrivati a fine percorso nella  manifestazione di corsa podistica che di fatto apre la lune e bella stagione estiva a Jenne, la perla della Valle Aniene.  Sul podio dei vincitori  il kenyano  Dennis Bosire KiYaka  che con il tempo di   36’13”  ha stabilito il nuovo record della gara su un percorso di 10 chilometri e 200 metri  dai Monasteri di San Benedetto e Santa Scolastica di  Subiaco . Secondo posto allo specialista di corsa in montagna , anche lui kenyano, Philimon Kipchumba . In campo femminile è stato registrato il successo di  Pamela Gabrielli  a soli 6” dalla migliore prestazione femminile di Aurora Ermini vincitrice, fra le donne, nel 2017. La Gabrielli ha concluso in    43’41”  e tiene dietro la favorita  numero uno, la    keniana Selinah Kangogo  seconda  in  45’43” . Terza Aurora Ermini.

La gara, con la presenza  dei forti atleti keniani ha raggiunto  dal punto di vista tecnico una professionalità rilevante , e soprattutto è stata come sempre occasione di promozione e conoscenza del  territorio di Jenne e del parco dei monti Simbruini. 356 sono i residenti nel piccolo comune,  tutti mobilitati per l’accoglienza degli  atleti  accompagnati da amici e familiari. Il percorso di gara molto tecnico con 7 chilometri e mezzo di dolce salita, appena il 5% la pendenza,  con complessivi 300 metri di dislivello, dai 530 metri dei monasteri fino alla “cima Coppi” a 800 metri prima di  rilassarsi nei 2500 metri di discesa finali e una “scappata” di 200 metri nel centro storico di Jenne prima del traguardo finale.

L’Organizzazione precisa e scrupolosa della Pro Loco e del Comune di Jenne con la collaborazione tecnica dell’Ass.ne Tivoli Marathon ha assicurato una riuscita ottimale per la soddisfazione di tutti.   La serata si è conclusa, dopo le premiazioni delle varie categorie per fasce d’età e dei migliori in assoluto, con la degustazione dei prodotti tipici e gastronomici del territorio di Jenne; in questa classifica particolare il gusto è stato vincente  per la” pecora ajo callaro”.

Un motivo in più per ritornare a Jenne in agosto e settembre in occasione dei festeggiamenti del santo patrono San Rocco a metà agosto e della  sagra degli  “ndremmappi”,  piatto tipico dell’antica transumanza  con farina grigia ed alici , in svolgimento per il prossimo 8 settembre.

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco Giorgio Pacchiarotti: “anno per anno, proseguiamo nel constatare la crescita di questa manifestazione che ha raggiunto livelli alti a livello agonistico-sportivi, e che fornisce l’occasione per vivere insieme le bellezze del nostro territorio all’insegna della sana competizione, dello sport, convivialità ed amicizia. Tutti valori che vanno riaffermati e vissuti nella cornice della nostra bella realtà.”  Pacchiarotti ha espresso parimenti le congratulazioni a tutti i partecipanti ed in particolare ai vincitori, queste le classifiche:

Classifica maschile:

  • DENNIS BOSIRE KIYAKA, Atletica Sandro Calvesi, 36’13”
  • PHILIMON KIPCHUMBA, Atletica Recanati, 36’15”
  • AMANIEL FREEDOM, Lbm sport, 38’38”

Classifica femminile:

  • PAMELA GABRIELLI, Calcaterra Sport, 43’41”
  • SELINAH KANGOGO, Atletica Castello, 45’43”
  • AURORA ERMINI, Acsi Italia, 46’32”

 

L’antico forno a legna acceso a Jenne per il pre Rally di Roma capitale

By | Jenne news | No Comments

Jenne – Importante riscontro ha avuto la tradizionale accensione del giovedì per il forno a legna di Jenne  utilizzato per la produzione di dolci tipici preparati ad arte da sapienti mani come la migliore tradizione vuole. Sapori autentici che sono stati apprezzati dal Rally di Roma capitale, unitamente al forno antico, reperto storico ed architettonico risalente al 1751 , che ha conservato inalterato  il sistema di cottura.  E Jenne è stata doppiamente protagonista quale facente parte parte del Rally di Roma Capitale che sui social ha ringraziato pubblicamente il Sindaco Giorgio Pacchiarotti e l’amministrazione comunale per la collaborazione prestata. Il Rally dedica ad ogni tappa una immagine personalizzata con il logo principale e con gli sfondi della realtà locale teatro incontaminato che apre le porte della Valle Aniene. In questi giorni si svolge il pre-Rally test, una serie di percorsi che servono come “allenamento” per l’evento più atteso per il quale è iniziato il conto alla rovescia sul sito ufficiale del Rally.

Cenni storici: Il Rally di Roma Capitale è una manifestazione rallistica che si disputa a Roma, la Capitale d’ Italia, e per le prime due edizioni nella provincia reatina, mentre dal 2015 si articolerà in Ciociaria e sarà gara valevole per il Campionato Italiano Rally.

Sono bastate due sole edizioni nel CIR Campionato Italiano Rally per essere promossa nel 2017 a tappa del FIA Campionato Europeo Rally (ERC).

Per più di dieci anni, ma soltanto fino al 1996, la Capitale romana è protagonista di un Rally su asfalto tra i più impegnativi per piloti e macchine, e il più affascinante anche per la cornice mondana che lo circondava. La prima edizione appare con l’etichetta di “Rally di Fiano Romano” ove emerge la presenza delle due più qualificate scuderie rallystiche dell’epoca: il Jolly Club e la Grifone. Il vero e proprio antenato del Rally di Roma, è stato il Rally di Fiuggi: con la partenza dal Colosseo e il traguardo alle Terme di Bonifacio VIII; Il Rally abbracciava paesi come Cave, Capranica, Subiaco, Bellegra, Fiuggi e Arcinazzo, costituendo la spina dorsale negli anni successivi del vero e proprio Rally di Roma. Una Via Veneto notturna e scintillante sotto potenti riflettori ospitava il palco partenza prospiciente il Cafè de Paris: uno spettacolo nello spettacolo. Il 1985 segna un’importante svolta per la manifestazione, essa assume, infatti, la denominazione di competizione ad invito vinta dall’equipaggio Diana-Lucente su Opel Manta 400; nel 1986 la partecipazione vincente di Tabaton-Tedeschini su Lancia Delta S4, neocampione europeo. Gli anni 1987/88, segnano la prima doppietta nella storia del Rally di Roma ad opera dell’equipaggio Pigoli/ Roda. Il 1989 vede la partecipazione ufficiale della scuderia Jolly Club Campione Mondiale Rally con una Lancia Delta Integrale affidata al pilota romano Cristiano Cianfoni e sul podio, finalmente, nel 1989 un altro pilota romano Sandro Barchiesi in coppia con Parisi che si ripeteranno sette anni dopo nel 1996. I primi anni 90 vedono le doppiette di Maneo e Caldarola entrambi “navigati” da Imperio. Tra i due s’inserisce la vittoria del ’93 di Grossi-Amadori.